LongoMatch – the digital coach recensione 6

Cosa è?

LongoMatch, come il suo stesso slogan dice “The digital coach”, è un software studiato per l’analisi sportiva, utile ad allenatori di qualsiasi sport ma anche a commentatori televisivi e a chiunque, più in generale, che necessità di estrarsi dei frammenti da un video da associare poi a persone/cose in esso rappresentate.
Il programma è reperibile a questo indirizzo http://longomatch.ylatuya.es/ ed è sviluppato in C# attraverso la piattaforma mono e altre librerie di supporto cross-platform.
Grazie a questa scelta, LongoMatch è in grado di girare su GNU/Linux, Windows e MacOSX (per quest’ultimo non è però disponibile il download).
Si tratta di software libero/open source, distribuito con licenza GPL, quindi, chiunque può studiarlo, modificarlo, ridistribuirlo e espanderlo (sempre però rispettando i vincoli di citare l’autore, restituire le modifiche e non chiudere il software).
Pertanto se manca qualcosa, e se ne hanno le capacità, basta farsi avanti :)

la storia

L’ideatore del programma è lo spagnolo Andoni Morales che, oltre ad essere uno sviluppatore di software libero presso la Flumotion (azienda esperta nello sviluppo di sistemi di streaming) ha anche un passato da giocatore professionista di hockey su prato (terzo ai mondiali under21 con la nazionale spagnola).
Unendo le due passioni, nell’anno accademico 2007/2008 (facoltà di ingegneria dell’università “la Sapienza” di Roma), Morales si è laureato con una tesi dal titolo “LongoMatch: a sports video analysis tool based on Free Software“.
Il mondo dell’hockey su prato è divenuto subito il “laboratorio di test” tanto da essere stato adottato dalle squadre di A1 della Roma e della Lazio e da alcune squadra spagnole (spesso come alternativa a prodotti proprietari come http://www.nacsport.com/).
L’interesse si è poi espanso altrove stimolando così Andoni a portarne avanti lo sviluppo.
Chiunque trova errori o vuole suggerire nuove funzioni può farlo attraverso il forum http://longomatch.ylatuya.es/forum/index.php.

Come si usa

Il funzionamento di LongoMatch è molto semplice: durante la visualizzazione di una sorgente video (live o un filmato registrato), l’utente non deve far altro che premere dei bottoni presenti schermo (o usare una combinazione di tasti) per catalogare così pezzi di filmato.

Poniamo ad esempio il caso di una partita di pallavolo. L’interesse è quello di poter estrarre, dal video, tutte le sequenze in cui un giocatore ha effettuato un servizio, o una ricezione, o una alzata, o un attacco, o un muro o una difesa ecc… oppure di individuare particolari situazioni sugli schemi applicati in determinati momenti della gara (esempio posizione del palleggiatore nella situazione di ricezione … p1, p2 … p6).
L’utente di LongoMatch non fa altro che caricare il video, crearsi queste categorie di azioni da voler annotare e cominciare la visione. A quel punto, ogni volta che a video si vedranno le azioni di interesse, non si farà altro che premere il relativo bottone o la combinazione di tasti impostata.
Di volta in volta gli spezzoni di video scelto (le clip) finiranno sotto l’apposita categoria.

L’utente potrà quindi, in qualsiasi momento, selezionare la categoria e guardarsi le varie clip in essa contenuta e associarne ad essa delle note.

Nella “revisione” delle clip l’utente poi potrà associare il relativo video ai giocatori presenti nelle immagini.
Grazie a questa funzione sarà quindi possibile prendere visione delle varie clip “sfogliandole” per giocatore.
Possono poi essere aggiunti anche ulteriori tag (es. “parallelo”, “lungolinea”, “errore”…).
Utilizzando poi la funzione “ListaAzioniGioco” (playlist) è anche possibile esportare una sequenza di azioni in un unico video.

Inoltre, in qualsiasi momento, è possibile bloccare il video e, sull’immagine scelta, utilizzare una funzione di disegno con cui poter mettere in evidenza problematiche tecniche e tattiche attraverso frecce, cerchi, linee, croci con tratteggi e colori diversi.

L’immagine creata può essere poi esportata in un file oppure inserita nella videoclip (l’effetto che si otterrà durante la visualizzazione sarà quello di bloccarsi sul disegno fino a che non viene premuto un tasto).
Questa funzione risulta utilissima non solo per la tattica ma anche nella didattica di tecniche: il tecnico può proporre una serie di esercitazioni ad allenamento, da analizzare in un secondo momento e restituire ai singoli atleti con i dettagli necessari a far capire meglio quali movimenti sono stati fatti in maniera corretta e cosa e come correggere.

Per gli appassionati di statistiche poi il software è anche in grado di esportare il progetto (= quanto registrato fino a quel momento) nel formato CSV (comma separated value).
Importando questo file in un foglio di calcolo (es. Microsoft Excel o OpenCalc) si otterrà una tabella con i dati raccolti completi dei tempi di acquisizione e della durata, da lì ad arrivare a elaborare alcuni calcoli (es. punti/errori, percentuali di positività ecc…) il passo è breve.
Qualora sia necessario sistemare la durata dei singoli videoclip è sufficiente passare in modalità analisi e da li accedere ad una griglia da cui poter modificare la durata dei tempi di visualizzazione di ogni singolo video.
Il sistema di gestione delle categorie degli eventi da registrare è molto semplice e funzionale.
Attraverso il relativo manager è possibile: definire il nome della categoria, associarne un colore, deciderne la durata in secondi prima e dopo aver utilizzato il comando (es. i due secondi prima e i due secondi dopo l’azione di attacco, con il risultato di avere un video da 4 secondi) e definire una combinazione di tasti.
La combinazione di tasti (tasto rapido) è fatta premendo uno dei tasti fra ALT o SHIFT seguito da un secondo tasto (es. “ALT a” per associare la pressione di questa combinazione alla categoria “attacco”), qualora invece si usi invece il tasto CTRL, si ottiene che sarà necessario premere solo il tasto associato.
Esempio: se si crea il tasto rapido “CTRL b” per definire la categoria “battuta”, durante la visione del video sarà sufficente premere il tasto “b” per estrarre quella videoclip.
Il gestore dei giocatori permette di inserire dati anagrafici, statura, peso, numero di maglia, ruolo e fotografia; con la conseguenza che nell’area dedicata alle squadre ogni videoclip può comparire sotto il nome del giocatore e relativa foto.
Il progetto (ma anche l’elenco dei giocatori e le categorie) è esportabile, pertanto è possibile scambiare il proprio studio (con il video distribuito però separatamente) anche ad altri.
Non mancano poi le possibilità di aumentare/diminuire la velocità del video e di visionarlo in verso opposto.

Il consiglio finale è quello di utilizzare questo software, pubblicizzarlo e contribuirne allo sviluppo anche semplicemente segnalando problemi o idee per la sua evoluzione.
Si tratta di software libero, quindi un bene comune che non potrà far altro che migliorare solo se si creerà una comunità interessata.

6 thoughts on “LongoMatch – the digital coach recensione

  1. Reply napo Nov 29,2010 19:26

    Come strumento invece più generico, orientato alla produzione di annotazioni legate ai video esiste questa soluzione

    http://liris.cnrs.fr/advene/

  2. Pingback: Tweets that mention LongoMatch – the digital coach recensione « de.straba.us -- Topsy.com

  3. Reply mauro marchetti Jul 21,2011 15:14

    ciao io lo uso da 2 gg, e sarei interessato a condividere esperienze con chi lo usa già.
    mauro

    • Reply napo Aug 4,2011 08:50

      … mi sono accorto solo ora che ci conosciamo :)
      Alleni a Monza, giusto?
      Come sta procedendo con LongoMatch?

  4. Pingback: » Linuxaria – Everything about GNU/Linux and Open source Longomatch a sports video analysis tool

  5. Reply mauro Sep 17,2011 11:32

    someone know how to export play list without problems or in few hours?
    thanks

Leave a Reply