ed anche Vienna passa all’opendata

Share Button

ora la lista dei comuni “virtuosi” che hanno abbracciato il concetto di open government data si allarga con Vienna.
Questa pubblica amministrazione si era messa in evidenza nel 2004 migrando più di 18.000 postazioni di lavoro a GNU/Linux e producendo la distribuzione Wienux – http://www.wien.gv.at/ma14/wienux.html
Undici le categorie di dati disponibili: popolazione, istruzione, budget, arte, salute, cultura, servizio pubblico, interfacce (si tratta di servizi wms per webgis), ambiente e traffico.
Tutti i dati sono resi disponibili in formato rss e csv.
Gli unici a non essere esposti in tale formato sono quelli geografici sui quali, invece, ci si appoggia su servizi ogc quali wms e wfs e secondo le regole imposte da inspire.
Di ogni dataset è disponibile una scheda informativa completa anche della descrizione dei campi.
Non manca poi la parte semantica per portare questi dati a livello di open linked data.

Il sito offre poi molto materiale sul tema open data ed un forum di discussione aperto a tutti.
Gli aggiornamenti dei cataloghi disponibili è data attraverso un canale twitter ed un rss.

La licenza scelta – http://data.wien.gv.at/nutzungsbedingungen/index.html – è la Creative Commons Attribution 3.0 per l’Austria.
Viene spiegato anche a dovere come si vuole che il vincolo di attribuzione debba essere realizzato.
Fra questi l’esplicita richiesta di non utilizzare i dati per fini: “criminali, illegali, razzisti, discriminatori, diffamatori, pornografici, sessisti o omofobi o incitamento a tali attività“.

Maggiori informazioni (in tedesco) al sito http://data.wien.gv.at/

il sito annuncia anche una conferenza a Vienna sugli open data per la data del 16 giugno – http://www.ogd2011.at/

Share Button

Leave a Reply