Che giordata per gli italian Open Data 2

Share Button

“Oggi è una data importante” – questa una delle frasi che il ministro alla funzione pubblica e innovazione del governo italiano utilizzate durante la conferenza stampa di ieri (18 ottobre 2011).
Titolo della conferenza stampa “un programma per l’open government”,
Tre i punti con cui questa azione si svolge: open data, g-cloud (government-cloud) e P.A. 2.0.
L’apertura dei dati è stata presentata lanciando il portale http://dati.gov.it ed il concorso http://www.appsforitaly.org.
Attualmente il portale si presenta come un catalogo di 156 dataset di 31 amministrazioni diverse (di tutte quelle che hanno già rilasciato dati nell’ultimo anno e di quelle che hanno accettato l’invito fatto dal ministro nel percorso per arrivare a questo lancio) ed una sezione informativa – Voglio capire di più con diversa documentazione e il link all’Opendata Manual.
Per ora si tratta di un inizio di un percorso, e da parte di chi ci lavora dietro c’è molta sensibilità nell’ascoltare chiunque abbia suggerimenti per migliorare il tutto.
Molte sono le idee in cantiere sia per migliorare il sistema (integrazione con ckan, internazionalizzazione, semantica …) che per favorire lo sviluppo del tema open data in Italia (creare altre versioni della IODL per dare diversi gradi di libertà, individuare azioni per rendere in open data il patrimonio di dati già online dove le licenze non sono presenti…).
Qui maggiori informazioni riguardo l’iniziativa
http://saperi.forumpa.it/story/64349/open-data-pa-20-e-g-cloud-una-strategia-l-open-government-italiano

La giornata del 18 Ottobre ha poi visto anche il portale dei dati aperti del comune di Firenze –
http://dati.comune.firenze.it

Insomma, finalmente il movimento degli Open Data prende forma, ora occorre lavorare molto per divulgare questa cultura. Gli esempi del Piemonte, dell’Emilia-Romagna, dell’ISTAT, di ENEL, di dati.gov.it, delle tante amministrazioni comunali che ci stanno credendo o che hanno fatto qualcosa (Bologna, Faenza, Firenze, Pavia, Udine, Schio, Vicenza, Montecchio Maggiore, Merano … ) non possono essere che considerate delle best practice di riferimento.
Adesso c’è anche il governo italiano, rimbocchiamoci le maniche per proseguire questo percorso.

Share Button

2 thoughts on “Che giordata per gli italian Open Data

  1. Reply Stefano Epifani Ott 25,2011 01:16

    curioso che si citi il link all’opendata manual e non si faccia riferimento al fatto che è stato rilasciato un vademecum italiano sull’open data…

    • Reply napo Ott 25,2011 10:38

      Ciao Stefano,
      niente da nascondere, in questo spazio si era parlato anche della traduzione dell’open data manual in italiano e per questo è stato messa in evidenza per ringraziare chi se ne è occupato e per dare continuità al discorso.
      Il riferimento al vademecum era implicito riferendosi alla sezione “Voglio capire di più” di dati.gov.it.
      In ogni caso il tuo intervento è stato utile per ridare una letta al post, sistemare anche il titolo e citare il vademecum.
      Grazie

Leave a Reply